Ottorino Respighi

delle alunne della Quinta Primaria e Prima Secondaria    •   12 marzo 2018

Solo Roma ha una colonna sonora tutta sua, suoni naturali, suoni artificiali e suoni sinfonici. Tutti gli artisti che hanno visitato la città sono stati affascinati e ispirati dalla sua atmosfera.
Il musicista Ottorino Respighi, ad esempio, giunto da Bologna all’inizio del XX secolo rimase talmente colpito dalla sonorità delle “feste romane” che compose una trilogia sinfonica.
Noi ve la illustriamo, voi poi la ascoltate!

TRILOGIA

  • feste romane, composto nel 1928, è uno dei 3 noti poemi sinfonici composti da Ottorino Respighi per la nostra città. Per LA COMPOSIZIONE DI «Feste Romane», Respighi ha scelto 4  caratteristiche e tradizionali feste della nostra città:
  • Circenses (tipiche feste dell’antica Roma)
  • Giubileo (grande avvenimento legato alla spiritualità che fino a qualche hanno fa si svolgeva nella nostra città)
  • Ottobrate (tipiche giornate di festa romane che si volgevano proprio in ottobre)
  • La Befana (grande festa tipicamente romana, legata alla tradizionale festa religiosa dell’Epifania).

OGNI MOVIMENTO (E QUINDI OGNI FESTA), è INTRODOTTO DA UNA BREVE DESCRIZIONE VOLUTA DALL’AUTORE.

UN ESEMPIO DA L’OTTOBRATA

“Festa d’ottobre nei Castelli inghirlandati di pampini: echi di caccia, tintinnii di sonagliere, canti d’amore. Poi, nel vespro dolce, trema una serenata romantica”.

L’atmosfera di festa sui Castelli romani è introdotta dal tema esposto dai corni e ripreso poi dalle trombe “echi di caccia”. Si parte per la gita, il trotto del cavallo fa tintinnare a lungo i suoi sonagli finché si leva nell’aria una melodia d’amore affidata prima al registro acuto dei violini e poi al clarinetto. Si avvicina l’imbrunire e mentre in lontananza si odono i richiami dei corni da caccia, il mandolino ci propone una “serenata romantica” che viene poi ripresa e rielaborata dai violini, dai corni e via via da quasi tutti i solisti dell’orchestra. Cala la sera ed il suono della sonagliera ci accompagna nel rientro.

VOLETE CONOSCERE MEGLIO OTTORINO RESPIGHI? LEGGETE LA BREVE BIOGRAFIA CHE VI PROPONIAMO DI SEGUITO.

Ottorino Respighi nacque a Bologna il 9 luglio 1879 da una famiglia di musicisti e morì a Roma il 18 aprile 1956.

Fu un compositore, musicologo e direttore d’orchestra italiano. È stato conosciuto anche per i “poemi sinfonici” dedicati alla città di Roma. Ha fatto parte di UN gruppo di musicisti INNOVATIVI (GENERAZIONE DELL’80), artefice del rinnovamento della musica italiano.

Iniziò a studiare violino, pianoforte e composizione, con il padre E POI PRESSO IL CONSERVATORIO DI BOLOGNA, dove si diplomò in violino.  Si recò poi A SANPIETROBURGO, in Russia, in qualità di prima viola dell’orchestra del teatro imperiale E POI A BERLINO.

RIENTRATO IN ITALIA NEL 1913, si trasferì a Roma, COME docente di composizione al conservatorio di Santa cecilia di cui fu ANCHE il direttore.

2018-04-12T16:20:58+00:0014-03-2018|Canto-Musica|0 Comments

Leave A Comment

Please rate this post*